O fedelissimo Santo, che foste a parte dei Misteri della nostra Redenzione, glorioso San Giuseppe, se la profezia di Simeone di ciò che Gesù e Maria erano a patire, Vi cagionò spasimo di morte, Vi ricolmò ancora di un beato godimento per la salute e gloriosa resurrezione, che insieme Vi predisse
dover seguire innumerevoli anime.

Per questo Vostro dolore e per questa Vostra allegrezza, impetrateci che noi siamo nel numero di quelli, che per i meriti di Gesù e ad intercessione della Vergine Madre, hanno gloriosamente a risorgere.
Pater, Ave, Gloria.

settenario di San Giuseppe